Monitoraggio agricolo basato su GIS e Remote sensing, studio di fattibilità

Monitoraggio agricolo basato su GIS e Remote sensing, studio di fattibilità 2019-04-24T12:15:49+00:00

Descrizione del progetto

Monitoraggio agricolo basato su GIS e Remote sensing, studio di fattibilità

Studio di fattibilità e di un sistema di monitoraggio satellitare per le produzioni di riso promosso dal progetto MLI / 021.

Cliente: Lux Dev >

Lux Development implementa in Mali un Programma di Cooperazione per contribuire alla riduzione della povertà e alla promozione della sicurezza alimentare.

L’obiettivo è quello di integrare dati di campo, da telerilevamento, dati meteorologici, modellizzazione e analisi spaziale. La possibilità di condivisione del processo e dei dati all’interno di una piattaforma web consente di migliorare il processo decisionale degli agricoltori, di sostenere i ricercatori universitari e scientifici e di rafforzare il quadro delle statistiche agricole.


Il terzo programma di cooperazione indicativa (PIC III) mira a sostenere il governo maliano nei suoi sforzi per ridurre la povertà, attraverso il sostegno a una crescita inclusiva e sostenibile e alla riduzione dell’insicurezza alimentare.

L’obiettivo specifico è sviluppare e intensificare la produttività, la sostenibilità e la redditività di tre settori agricoli: riso, fonio e sesamo.

Il progetto MLI / 021 ha espresso la necessità di diversificare gli strumenti tecnologici (ICT e telerilevamento satellitare) che le parti interessate hanno per sostenere e facilitare il raggiungimento dei propri obiettivi. Ciò include l’acquisizione di informazioni sulla produzione e la gestione dell’azienda, affidabili, tempestive e accessibili da parte degli utenti e dei responsabili delle decisioni nei tre settori interessati.

GisAction è stato coinvolto nel progetto per valutare la fattibilità di rispondere con un GIS per il monitoraggio agronomico e la stima di resa del riso. La collaborazione offre la possibilità di progettare una soluzione appropriata e trasferibile, coinvolgendo stakeholder istituzionali, tecnici, scientifici e strategici.

Galleria